Nuove dimensioni per la mente

QUANTUM - il più innovativo e creativo approccio pratico all'uomo ed alla mente.

Concetti Introduttivi

Il Modello innovativo della Quantum Psychology

La Mente Triadica ed i  NeuroAttivatori

Oltre la Psicologia: Applicazioni Sociali

Utilizzi Pratici

Quantum Counseling

Utilizzi pratici in Terapia della Quantum Psi:
Peso - Relazioni - Concentrazione - Rilassamento

Quantum Extreme per l'apprendimento e la formazione di insegnanti e Trainer

Quantum Psi per il Marketing

Quantum Psi e Motivazione

Evoluzione nella Comunicazione. Quantum Psi, Comunicazione e Persuasione

Atteggiamento mentale: Commenti a "La scienza di divenire ricchi" di Wallace Wattles

Quantum Psi  nella Pubblicità e nell'Ingegneria Memetica

Quantum Psi, Creatività e Genialità

Quantum Psi Linguistico

Introduzione: Flash Linguistics, Chaos Linguistics e Linguistica Creazionale

Modelli di Cambiamento di Base e Flash Linguistics

Modelli Evoluti

Quantum Psi Realtà, Spazio ed Energia

Quantum Psi e Realtà

Spazio e Massa

Tempo

La Psi-Energetica

Idee e Modelli

Il più alto stato di coscienza possibile: Stato Oggettivo ed Illuminazione

La "Presenza" e gli effetti della Concentrazione Psi

Il contatto umano: breve Tutorial su come migliorare  con Quantum Psi

Applicazioni Parasensoriali

Ricerche: Oriente ed Occidente

Quaderni di Ricerche 1: Visione Occidentale:  Confronto tra Modello Triadico e PNL

Quaderni di Ricerche  2: Quantum Psi e Milton Erickson

Quaderni di Ricerche  3: Quantum Psi e visione orientale. Commenti al "libro del Nulla"

Quaderni di Ricerche 4: Quantum Psi e Yoga. Commenti agli aforismi Yoga di Patanjali

Varie

Biografie

Bibliografia

Formarsi in Quantum Psi e quantum Psychology

Domande & Risposte

 

 

 

Quantum Psychology ®  e Mente Triadica

"Quantum Psychology" è libero per la discussione scientifica, ed è registrato per i servizi educativi e di formazione afferenti. Il fine è di mantenere un'alta qualità tutelando l'utente)

 

ARTICOLI VARI

1) Quantum e Applicazioni alla Leadership ed al Business

I concetti quantistici trovano anche applicazione nella leadership, negli obiettivi, nel coaching.
Se siete interessati ad applicazioni specifiche contattateci (vedi in fonda alla pagina).
Il concetto di Quantum Leadership è la capacità di trasportare un'organizzazione attraverso una realtà non lineare.
Realtà non lineare significa che il mondo è in continua evoluzione, caratterizzato da situazioni di incertezza e cambiamento.

L'azienda come organismo quantico

Un'organizzazione può essere paragonata ad un computer quantico in evoluzione, cioè un sistema fisico che mantiene un sistema interno di "sottosistemi quantici" con elementi di indeterminazione quantica costituito dalle singole persone o da gruppi di queste.
L'insieme di tali sottosistemi è in continuo cambiamento in modo da ottimizzare alcune misure dei modelli di relazione tra il sistema e l'ambiente.
Queste relazioni sono espresse sotto forma di mappe.
Per effettuare questo è necessario essere in grado di operare una sovrapposizione di mappe.
Ogni mappa è un modello di relazione tra l'organizzazione e l'ambiente.
Una mappa, (nella terminologia di Edelman) è un insieme connesso di gruppi di elementi con la proprietà che quando una delle connessioni tra i gruppi è attiva, anche le altre tendono spesso ad essere attive.
Nella mente del leader è necessario essere in grado di creare una serie di mappe in parallelo ed utilizzare quella che sembra più consona oltre che mantenere coerenza tra le varie mappe al fine di evitare la dispersione dell'informazione, rappresentata in azienda spesso da attriti ed opposizioni.

2) Atteggiamento e Motivazione in QUANTUM PSI utilizzando il modello Traidico

(tratto dal libro "obiettivi" di Gianluca Contessa)

Quantum Psi trova anche applicazione nella MOTIVAZIONE.
Se parliamo di imparare la motivazione, possiamo paragonarla ad  un viaggio attraverso vari processi, e questo viaggio avviene per tappe.
La prima è quella dell’atteggiamento.
Quantum Psi definisce vari "livelli cerebrali", legati direttamente a specifiche aree del cervello:
1 - L'atteggiamento (legato al neocortex (corteccia cerebrale))
2 - Il valore emozionale (legato al cervello mammaliano)
3 - La verifica operativa (legata al cervello rettiliano)

L’atteggiamento è il livello più alto dei nostri processi cerebrali ed influenza i sottostanti.
Prima di iniziare vorrei chiarire che non abbiamo nessuna intenzione di suggerirvi come dovreste vivere la vostra vita, questa decisione non spetta certamente a noi né a nessun altro: è una cosa che riguarda solamente voi.
Quello che vogliamo suggerirvi è di vivere la vostra vita pienamente, utilizzando completamente il vostro cervello e le sue potenzialità.
Neurologicamente la nostra mente ha più livelli, e solo prendendoli in esame tutti possiamo pensare di ottenere risultati.
Il modello Quantum Psi di motivazione è il risultato di quasi dieci anni di ricerche che hanno dato provati successi su un preciso argomento: "Qual è la ragione per la quale nella vita alcune persone riescono e molte altre no ?".
Molti si focalizzano sugli obiettivi.
In realtà la parola obiettivo arriva al termine di un percorso mentale.
Attraverso approfondite analisi siamo anche riusciti a dare una base neurologica a tutto ciò.

L'Atteggiamento

Per prima cosa desideriamo parlarvi della parola magica, la parola più importante in qualsiasi lingua della terra per quanto riguarda i risultati che ci aspettiamo dalla vita.
Questa parola riassume una gran parte dell’attività cerebrale importante per iniziare.
Questa parola è "ATTEGGIAMENTO".
La capacità di avere un “atteggiamento” è tipicamente umana e legata all’attività della parte più evoluta del cervello, la corteccia.
L’atteggiamento determina il nostro comportamento verso l’ambiente e quindi verso la vita.
E' Infatti l'atteggiamento che noi abbiamo verso la vita che determina quello che essa avrà verso di noi.
La realtà in cui viviamo è "virtuale" cioè creata da noi ed influenzata da noi, secondo i paradigmi di Quantum Psychology.
Possiamo definirla “realtà” in quanto creata attraverso l’azione di riconoscimento della nostra mente.

Ecco perché ha importanza il nostro atteggiamento.
L'atteggiamento è frutto della nostra mente creativa, produttrice di idee  in combinazione con la sistemizzazione di queste.
Infatti noi diamo un indirizzo alla nostra vita, ma questo indirizzo è determinato dall'atteggiamento.
Infatti la vita che viviamo è una nostra creazione.
Questo è dimostrato ad esempio che, date le stesse condizioni iniziali alcuni raggiungono il successo, altri no.
La vita è una “realtà virtuale” che noi possiamo imparare a sviluppare e far divenire oltre ogni aspettativa.
E questa è anche la dimostrazione che tutto è una realtà virtuale, poichè, ovviamente anche questa è un’aspettativa…
Una persona quindi che abbia della diffidenza verso l'apprendimento non imparerà molto fintantoché non cambierà il proprio atteggiamento.
Se l'atteggiamento è quello di non poter fare una certa cosa, non si riuscirà mai a farla.
L'atteggiamento mentale negativo è una forma sicura per trascinarci all'insuccesso.
Quanto riceviamo dalla vita, si riesca a realizzarlo o meno, è determinato, dal nostro atteggiamento.
William James, dell'Università di Harvard, lo descrive così:
"La più grande scoperta della mia generazione è che il genere umano può cambiare la propria vita cambiando il proprio atteggiamento mentale".
Non è magnifico avere questa possibilità di intervento?
 

I DUE ATTEGGIAMENTI DI BASE

Esistono due atteggiamenti di base:

- verso di noi
- verso il mondo.
In realtà il mondo che viviamo è un riflesso dell’atteggiamento che abbiamo verso noi stessi.
La Quantum Psychology collega infatti i due concetti.
Noi pensiamo che i due siano separati, ma in realtà sono la stessa cosa.
Quindi, prima di parlare del nostro atteggiamento verso il mondo, parliamo di quello che abbiamo verso noi stessi, dato che è quest'ultimo è collegato al primo.
Ed a questo punto arriviamo ad una conclusione molto strana: siamo così abituati a noi stessi che abbiamo una tendenza a minimizzare i risultati che realizziamo, i traguardi che raggiungiamo; tendiamo a dare tutto per scontato e, per una ragione altrettanto strana, crediamo che gli altri riescano a realizzare successi, nel nostro campo, che noi non riusciremmo mai ad ottenere.
Esistono infatti letteralmente milioni di individui che conducono una vita soffocante, buia, piena di frustrazioni, che vivono sempre sulla difensiva semplicemente perché assumono un atteggiamento di difesa verso sé stessi, ed in generale verso la vita.
Molte persone sono sospettose e contrarie ad ogni forma di cambiamento, mentre il cambiamento è la sola cosa nella vita sulla quale possiamo fare assoluto affidamento.
Un concetto chaive di Quantum Psi in quest'ambito è il cambiamento.
Le persone che restano giovani per tutta la vita non solo accettano il cambiamento, ma lo accolgono per ciò che realmente rappresenta: "nuove opportunità e possibilità per future realizzazioni".
Infatti del mondo percepiamo solo una piccola parte, ciò che lasciamo che noi stessi possiamo percepire.
Ma fuori da quello che possiamo percepire ci sono infinite realtà virtuali possibili.
Quello che ci permette il salto di qualità è l’atteggiamento.
L'atteggiamento è il riflesso, il risultato del volere di una persona, ha un valore incalcolabile e ci può dare dei risultati incredibili, ma è necessario incentivarlo giorno per giorno.
L’atteggiamento è al vertice di una scala alla cui base si trovano gli obiettivi raggiunti:

ATTEGGIAMENTO -> OPERAZIONI MENTALI MIRATE -> OBIETTIVI RAGGIUNTI

Parliamo quindi ora delle persone che riescono ad ottenere i loro OBIETTIVI, di quel numero ristretto, (ad oggi non superiore al 5%) che è passato di successo in successo, e che ha avuto il coraggio di risollevare la testa quando qualcosa è andata male, e di ricominciare da capo.
Queste persone hanno per caratteristica quella di usare completamente il loro cervello a a partire dall’elemento in cima alla piramide cerebrale: la capacità di creare una realtà e ritenerla vera = atteggiamento verso il mondo.
Non ha importanza chi sia questa persona, o cosa faccia, se sia un venditore o una venditrice, dirigente d'azienda, individui delle più svariate professioni, mogli, madri, studenti o ufficiali dell'esercito, impiegati statali, uomini e donne al servizio della religione, lavoratrici e lavoratori in qualsiasi campo: ogni volta che trovate una persona che faccia un ottimo lavoro ottenendo degli ottimi risultati, quella è la persona con il giusto atteggiamento.
Sono queste le persone che sono assolutamente certe di poter riuscire ad ottenere ciò che hanno deciso di ottenere: per loro non esiste ragione al mondo per non essere capaci o per non riuscire.
Queste persone assumono tale atteggiamento verso la vita e verso le cose che intendono ottenere, e perciò vengono definite persone arrivate, eccezionali, brillanti, fortunate ed altri vari aggettivi, ma molto spesso queste persone non sono più brillanti o eccezionali della maggioranza degli individui che le circondano: hanno semplicemente sviluppato il giusto atteggiamento, e hanno scoperto che la realizzazione dei loro obiettivi non era difficile, anzi a volte era sorprendentemente facile.
Purtroppo sono poche le persone che si impegnano a fondo e che credono veramente in loro stessi.

IL SEGRETO NEUROLOGICO DEL SUCCESSO

Le persone di successo hanno caratteristiche diverse, vari gradi di intelligenza, di educazione e così via, ma tutte hanno due cose in comune:
La prima è che si aspettano dalla vita ciò che hanno sognato e deciso di fare.
La seconda è che queste persone hanno anche un segreto : UTILIZZANO PIENAMENTE IL LORO CERVELLO.
L’atteggiamento mentale è infatti alla cima di una piramide che raggruppa le varie funzioni cerebrali.
L’atteggiamento mentale è la capacità di immaginare e vedere il futuro.
Ho utilizzato appositamente la parola “vedere” perché le ricerche mostrano come proprio nell’emisfero destro, più legato alla capacità di visualizzare e vedere nella mente è la capacità di creare nuove opportunità.
Le persone più creative sono anche quelle che più possono crearsi immagini elevate.
Ma ovviamente esiste il peso dei nostri condizionamenti.
L’atteggiamento nasce infatti neurologicamente dall’equilibrio tra emisfero destro e sinistro.
L’emisfero sinistro è legato alla logica, ed è quello che ritiene logica una cosa e non logica un’altra.
Quindi è necessario parlare anche alla parte logica di noi stessi, affinché apra la strada e si equilibri con la parte meno logica.
Questo stesso libro è scritto infatti in parole anche per parlare all’emisfero logico, e permettergli di lasciare spazio all’attività dell’emisfero immaginativo.
Possiamo anche mettere in funzione autonomamente questo processo: se desiderate ad esempio ottenere qualcosa che vi sta a cuore, pensate che esistono più ragioni per le quali dovreste riuscire a realizzare il vostro progetto che viceversa. Siate disposti a raggiungere il vostro traguardo, rincorrete il vostro obiettivo, e vedrete che nove volte su dieci riuscirete a guadagnarlo.

Il valore emozionale del Successo

Cosa è il "successo"? Possiamo constatare che si tratta di un termine che varia moltissimo da cultura a cultura.
Possiamo definirlo come "ottenere una serie di elementi a valore emozionale".
Il nostro cervello mammaliano è quello che determina il "valore emozionale" delle cose.
Il successo è inaftti definito all'interno della società, e quello che significa la parola "successo" varia a seconda delle culture.
All'interno dell'uomo, il cervello mammaliano è responsabile di ciò.
Il processo è questo: l'equilibrio tra parte destra e sinistra della corteccia cerebrale si riflette sulla parte immediatamente sottostante: il cervello mammaliano (da mammifero) sede delle emozioni ed in grado di dare “valore emozionale” alla realtà.
Infine questo processo arriva alla parte più profonda di noi e si connette alle forze agenti presenti nel cervello rettiliano (la parte più profonda del cervello) che darà “impulso agente” al nostro operare.
Il risultato di tutto ciò è il nostro ambiente.
L'ambiente che ci circonda riflette come uno specchio il nostro atteggiamento mentale; quindi, se il vostro ambiente non vi soddisfa, è necessario innanzitutto cambiare il vostro atteggiamento.

Riconoscere chi ottiene e chi non ottiene successo

Sappiamo tutti che il mondo non concede favori e non si interessa al fatto che una persona campi o meno, ma adottare il giusto atteggiamento verso la vita comporta un vantaggio non tanto al mondo ed alle persone che ci vivono, quanto invece essenzialmente a noi stessi.
Sarebbe impossibile fare un calcolo, anche approssimativo del numero di posti perduti, delle promozioni mancate, delle vendite non effettuate e dei matrimoni falliti a causa dell'atteggiamento negativo, ma si possono valutare in milioni i posti occupati ma odiati, i matrimoni tollerali ma infelici, e tutto questo perché ci si aspetta che il mondo e le altre persone che ci circondano cambino il loro atteggiamento verso di noi, anziché essere abbastanza maturi per renderci conto, senza aver dubbi, di quale sia la ragione delle difficoltà che ci creiamo.
Studi fatti su migliaia di persone di successo hanno dimostrato che queste irradiano confidenza, sicurezza; si aspettano il successo e lo ottengono.
Potete riconoscerle dal modo in cui camminano, dal loro aspetto e dal modo in cui si comportano; riuscite a riconoscerle non appena entrano in una stanza: possono essere alti o magri, grassi o robusti oppure una combinazione dell'uno e dell'altro eppure a prima vista percepite il loro successo.
In seguito mi soffermerò più a lungo su questo argomento, per ora mi limiterò a convincervi, se non lo siete ancora, che tra cinque anni, o meno, riuscirete a conquistare la posizione che più vi interessa. Io lo so, ma la cosa più importante è: lo sapete anche voi ?
Nel momento in cui ne sarete consapevoli, avrete conquistato l'atteggiamento giusto di cui vi parlavo.
 

Creare una nuova realtà virtuale

Come abbiamo detto, caratteristica della nostra realtà è di essere virtuale.
Quindi, la maniera più facile e più efficiente per formare un ottimo atteggiamento mentale è il cominciare a comportarsi "come se" aveste già ottenuto ciò che volete.
Si, proprio così, cominciate fin d'ora a camminare, comportarvi ed apparire come se apparteneste già a questo gruppo di persone.
Se appartenete a quel famoso 5% sapete senz'altro cosa intendo dire, ma se non lo avete mai provato rimarrete strabiliati da quello che accadrà.
La azioni fanno scattare i sentimenti, esattamente come i sentimenti fanno scattare le azioni.
Ed anche le persone al vostro fianco se ne accorgeranno…
Incredibile? Provate a pensare a qualunque cosa vi piacerebbe fare o possedere, e scoprirete che non è affatto la cosa in sé che vi interessa, ma lo stato mentale che le avete associato.
Potete immaginare di essere ricchissimi, dì avere una straordinaria cultura, tantissimi amici, oppure ottenere risultati sportivi, o qualunque altra cosa possiate desiderare, e vedrete che quello che le rende attraenti è lo stato mentale in cui pensiamo di trovarci quando quelle condizioni saranno soddisfatte.
Ne consegue quella che è la chiave di volta dell’intero edificio di questo corso è che: le persone non vogliono realmente a fianco a loro qualcuno con un fisico atletico, macchine sportive, o altre stupidaggini di questo tipo; le persone vogliono vivere con voi uno stata emozionale.
Questo è infatti il secondo gradino all’interno del segreto del successo: utilizzare la propria mente emozionale.
Fate attenzione attorno a voi alle persone “sbagliate”.
Le persone sbagliate rischiano di inteferire coi vostri processi emozionali e prendere controllo attraverso questa porta della vostra mente installandovi strategie inadatte.
Createvi i vostri valori emozionali.
Provate a chiudere gli occhi e ad immaginare di essere a bordo dell’auto, dell’aereo o della barca dei vostri sogni… voi potete con gli occhi chiusi immaginare di possederla, di viaggiarci, e tutto ciò di cui avete bisogno e che quell’oggetto vi procuri le emozioni che state provando ora.
Ma ciò funziona anche al contrario… quante volte avete desiderato intensamente qualcosa che poi (quando l’avete posseduta) non vi dava per nulla emozioni? O meglio era più lo stato emozionale che vivevate prima di averlo che dopo averlo avuto?
Ecco… questa è la realtà, visualizzare l’obiettivo e viverlo è come averlo già realizzato, il resto viene da se, automaticamente.
In questa maniera mettiamo in azione la seconda parte del nostro cervello, il cervello mammaliano, che ci permette di dare valore emozionale alle cose.
Il valore emozionale nasce infatti dai nostri imprint di vita ed è strettamente legato alla società in cui viviamo.
Il cervello mammaliano è la parte del cervello che ci permette di capire il valore emozionale degli elementi che ci circondano nel mondo.
Un altro piccolo test:
Vi parlerò tra poco di un altro piccolo test che potrete farvi e che vi proverà, senz'ombra di dubbio, come l'atteggiamento giusto possa cambiare la vita di una persona in modo altrettanto convincente come passare da una stanza buia alla luce chiara e brillante di un mattino.
Non molto tempo fa mi è capitato di leggere una frase che diceva: "La vita diventa monotona soltanto per le persone monotone".
Questa asserzione è vera, ma la frase poteva anche essere intesa così: "La vita diventa interessante soltanto per le persone interessanti" oppure "la vita diventa di successo soltanto per le persone di successo".
Quello che sto cercando di dire è che dal punto di vista del giusto atteggiamento, bisogna sentire di essere già quello che si desidera di diventare.
Il proprietario di una famosa industria di giocattoli, intervistato da un giornalista, alla domanda "quando ha incominciato ad avere successo", rispose "quando dormivo sulle panchine del parco, perché già allora sapevo esattamente ciò che volevo fare, e che sarei riuscito a realizzarlo".
Il suo era un atteggiamento positivo, questa persona faceva affidamento sul suo successo prima ancora di esserne materialmente in possesso, prima ancora di guadagnarne i frutti.
Ci soffermeremo su questo argomento, cioè essere tra i primi nel mondo di oggi, in uno dei capitoli successivi, per il momento ricordate che una persona può comportarsi, agire ed essere convinta del proprio successo prima ancora di raggiungere gli obiettivi che vuole.
Avrete senza dubbio la possibilità di incontrare delle persone che vengono definite persone "fortunate", alle quali accadono cose meravigliose, e che danno agli altri l'impressione di vivere la loro vita felicemente, riuscendo a realizzare in un anno quello che ne richiederebbe almeno cinque.
Questo fenomeno è stato provato in maniera scientifica, e se ognuno di voi seguirà coscienziosamente il test che vi proporrò, e lo metterà alla prova ogni giorno per i prossimi trenta giorni, riuscirà ad entrare a far parte di questo piccolo gruppo selezionato di persone.
Troverete che verrete definiti fortunati, e che la maggior parte dei vostri problemi si risolveranno da soli, potete esserne certi, ed i risultati che otterrete saranno davvero sorprendenti.

TEMPO ED EVOLUZIONE

Qualche volta ricordiamo avvenimenti antichi, qualche volta dimentichiamo qualcosa detto dieci minuti prima.
Il tempo è una nostra costruzione mentale.
Esistono tecniche potenti con le quali possiamo cambiare la nostra costruzione mentale e crearci un nuovo futuro.
Il pensare di poter cambiare dipende da noi.
Proviamo a considerare il nostro passato semplicemente come “apprendimenti”: ora possiamo incominciare ad agire e creare.
Non ha importanza infatti il tipo di atteggiamento che potreste aver avuto in passato: una cosa fondamentalmente buona può sempre essere migliorata.
Ed ecco il test che vi propongo di fare: per i prossimi trenta giorni assumente con il mondo e con quanto vi circonda l'atteggiamento proprio del genere di risultato che intendete raggiungere, cioè, se il risultato che volete è superiore a quello già realizzato, agite come se ne foste già in possesso:
Se volete che gli altri vi trattino con ammirazione e rispetto, trattate gli altri alla stessa maniera.
Avete mai pensato a questo ?
Ogni essere umano sulla terra si considera il più importante; forse non riuscirete a farglielo ammettere, ma è proprio così, quindi per i prossimi trenta giorni trattate le persone con le quali siete in contatto come se fossero le persone più importanti della terra.
La ragione per la quale vi suggerisco di trattare i vostri simili in questo modo è innanzitutto perché dovrebbe esser fatto, e anche perché vi aiuterà ad acquisire l'atteggiamento giusto, che vi produrrà dei risultati insperati per il resto della vostra vita.
Noi ci creaimo infatti le nostre coordinate temporali.
Avete mai notato come, in qualsiasi organizzazione di una certa importanza, le persone migliorino con l'avanzamento della loro posizione, e come sia più facile avvicinare una persona importante e concludere affari con lui? e sapete il perché? "perché ha l'atteggiamento migliore", e le persone che lo posseggono sono naturalmente spinte verso l'alto, quindi, per i prossimi trenta giorni comportatevi esattamente come vorreste che gli altri si comportassero con voi; trattate vostra moglie, o vostro marito, come la persona più importante della vostra vita, e fate lo stesso con i vostri figli.
Per trenta giorni, ogni mattina assumete l'atteggiamento che dovreste avere se foste l'uomo più fortunato della terra, e noterete che presto ciò sarà per voi una seconda natura.
Nel fare questo una persona deve essere consapevole di essersi messa sulla strada che la condurrà al suo traguardo, fa ora parte di quel 5% di persone arrivate, nel proprio Paese o in qualsiasi altro Paese del mondo, ha preparato il terreno e piantato il seme; ha fatto di sé stesso una calamita, una personificazione di ciò di cui è alla ricerca.
Come crearsi una “matrice mentale”
C’è un segreto per indurre il cambiamento.
Prima che il metallo possa prendere la forma desiderata, è necessario innanzitutto forgiare lo stampo, prima di poter erigere un edificio si deve provvedere ai lavori di scavo e alla posa delle fondamenta; lo stesso accade ad un individuo: per realizzare il tipo di vita che desidera dovrà diventare quel tipo di individuo, dovrà cioè agire, pensare, parlare, camminare e comportarsi come la persona che desidera diventare, e le cose che una persona di successo avrebbe o farebbe gli arriveranno in maniera del tutto naturale.
Noi ci siamo creati un comportamento oggi basandosi sul passato.
Quello che impariamo ora è a crearne uno nuovo.
Una “realtà virtuale” che diviene “realtà vissuta”
Noterete un cambiamento quasi immediato: per prima cosa l'irritazione che vi affliggeva scomparirà; se qualcuno vi tratterà male non lascerete che la vostra fede venga scossa, se qualcuno vi taglierà la strada con la sua macchina, o si comporterà in maniera da lasciar trapelare la sua ignoranza e scortesia, non vi abbasserete al suo livello, e il compatimento sarà la sola cosa che si meriti.
Quello è il gruppo di persone al quale non vorreste appartenere, perché se agiste come loro diventereste parte di loro.
Non esiste cosa al mondo di cui uomini, donne e bambini sentano tanto il bisogno quanto il fatto di sentirsi importanti, necessari e rispettati: alla persona che soddisfi questi bisogni sono disposti a dare in cambio il loro amore, il loro affetto, il rispetto ed il contributo in affari.

BREVIARIO DI PUNTI CHIAVE DEL SUCCESSO

E per concludere vorrei che teneste in mente i seguenti punti:
1. E' il nostro atteggiamento mentale, sopra ogni altra cosa, che determina la riuscita di qualsiasi impresa. Neurologicamente è dato dall’equilibrio tra l’emisfero destro e l’emifero sinistro
2. E' il nostro atteggiamento verso la vita che determina l'atteggiamento che la vita avrà verso di noi. La realtà in cui viviamo è sempre una realtà “virtuale” perché creata dai nostri pensieri. Concentrandoci su certi pensieri agevoliamo la trasformazione del mondo in una certa maniera.
3. Per riuscire abbiamo bisogno anche dell'aiuto degli altri, noi siamo interdipendenti, ed è il nostro atteggiamento verso gli altri che determina il loro atteggiamento verso di noi. Questa è la realtà della nostra mente emozionale. Per riuscire dobbiamo utilizzare infatti tutte le nostre “menti”.
4. Prima che la persona riesca a realizzare il tipo di vita che desidera, dovrà trasformarsi nel tipo di individuo che intende diventare. In altre parole deve pensare, agire, camminare, parlare e comportarsi come farebbe la persona che desidera diventare. Così come al punto 2 incominciamo a creare la realtà “virtuale”, al punto 4 creiamo l’individuo “virtuale”. Noi siamo influenzati dai nostri pensieri
5. Più in alto si va, in qualsiasi organizzazione apprezzabile, migliore sarà l'atteggiamento che troverete. Questo è dovuto al fatto che solo coloro che comprendono (anche inconsciamente) i punti precedenti possono emergere.
6. Noi possiamo scegliere di tenere nella nostra mente o l'atteggiamento negativo o l'atteggiamento positivo, e visto che non c'è niente da guadagnare dall'essere negativo, meglio essere positivi. L’atteggiamento negativo è infatti caratterizzato da costruzioni mentali che differenziano noi dagli obiettivi che possiamo raggiungere. Poiché la realtà è virtuale, entriamo in modo che quello che viviamo sia un sogno e non un incubo.
7. L'ambizione più profonda del genere umano è di sentirsi amati, necessari, importanti e apprezzati. Soddisfiamo queste loro esigenze e ne saremo contraccambiati. Oltre che alla nostra mente emozionale rivolgiamoci allamente emozionale degli altri.
8. Stiamo sempre con gli occhi, con le orecchie e con la mente svegli e attenti. Qualcuno disse: "non ho mai incontrato nessuna persona dalla quale non potessi imparare qualcosa" . La realtà è fatta infatti da persone e solo da queste possiamo imparare.
9. Non sprechiamo del tempo prezioso facendo sfoggio dei nostri problemi personali. E' probabile che non aiuti noi, e certamente non aiuterà gli altri. Ogni volta che la mente si concentra in una direzione lo potenzia infatti.
10. Non parlate mai della vostra salute a meno che non sia ottima. Idem come sopra.
11. Assumete l'atteggiamento come della persona che ha raggiunto il benessere psico-fisico, della persona che sa dove vuole arrivare. Il vostro atteggiamento influenzerà positivamente le persone che vi circondano e i risultati che otterrete vi sorprenderanno. In questa maniera influenzerete inconsciamenteil vostro cervello rettuiliano e sarete effettivamente in buona salute!
12. Per i prossimi trenta giorni, trattate tutte le persone con le quali siete in contatto, come fossero le persone più importanti della terra. Se riuscirete a far ciò per trenta giorni, lo farete per il resto della vostra vita. Inconsciamente i nostri pensieri si riflettono sugli altri eli influenzano aloro volta.
13. Il successo o il fallimento in ogni impresa, sono causati più dall'atteggiamento mentale che dalle capacità intellettive. Infatti l‘intelletto è solo una parte della nostra mente: il cervello logico. Ma la logica sistematizza, non crea.
14. Notate i cambiamenti che ottenete. Questo metterà in azione il vostro cervello più di base (rettiliano), che ragiona in amnierqa diadica (giusto/sbagliato) in grado di capire se siete o meno sulla strada giusta.

 

Corso Gratuito online 

Al fine di facilitare l'apprendimento di queste materie abbiamo anche realizzato un corso gratuito online, molto più approfondito di questo sito.
Potete ricevere le varie lezioni scrivendo a quantum@getresponse.com : riceverete immediatamente l'introduzione e successivamente una lezione al giorno.

Questo sito  ha come finalità la ricerca e la diffusione di tecniche altamente innovative per la mente.
Abbiamo piacere di contattare chi è appassionato a queste materie, ed aiutarlo a progredire, nello spirito di Quantum Psychology: "tutte le cose sono correlate" .
Pensiamo infatti che far crescere la materia e le persone interessate aiuti anche noi ed il mondo a crescere.

Quantum Psi è anche una disciplina pratica.
Il fine delle tecniche di Quantum Psi è aiutare la mente ad essere coerente ed a questo punto a manifestare il suo potenziale.
Se siete interessati a corsi, seminari, tecnologie mentali di tipo quantico, contattateci e chiedete maggiori informazioni cliccando qui.

Siamo coscienti dell'estrema potenza di certe applicazioni, come quelle per la persuasione, il marketing e la terapia e vi invitiamo quindi ad utilizzare i principi contenuti in queste pagine solo se seguiti da una persona più esperta di voi, per ragioni sia etiche e sia di evitare conseguenze indesiderate.
Anche gli indiani ritenevano le Siddhi (doti supernaturali) come da trattare con moderazione, e molte discipline nel mondo tengono segreto proprio per questo il nucleo del loro insegnamento.
Alcune tecniche di Quantum Psi ricadono appunto in tale categoria, e, anche se ci permettiamo di pubblicare le più semplici, invitiamo sempre alla massima cautela nel loro utilizzo pratico.

Per contattarci: quantumpsi@neurolinguistic.com oppure chiamateci al 348-2213449

Per informazioni dirette: 348-2213449